Ogni prima domenica del mese vieni allla Fiera di Osteria Nuova, un evento che richiama circa 20.000 visitatori, dove potrai trovare un pò di tutto: dal bestiame ai macchinari agricoli, dagli utensili da lavoro all'abbagliamento, dai tessuti ai prodotti gastronomici...

 

Nel portale puoi trovare tutte le informazioni, gli eventi, le news, le curiosità, le immagini sull'area di Osteria Nuova e la fiera che si tiene ogni prima domenica di ogni mese. Inoltre, iscrivendoti alla newsletter puoi rimanere sempre aggiornato...

 

Vieni in Sabina ad assaporare la tradizionale cucina, semplice e genuina, i vini locali, l'olio extravergine d'oliva Sabina DOP e molto altro ancora...

 

Ogni prima domenica del mese vieni allla Fiera di Osteria Nuova, un evento che richiama circa 20.000 visitatori, dove potrai trovare un pò di tutto: dal bestiame ai macchinari agricoli, dagli utensili da lavoro all'abbagliamento, dai tessuti ai prodotti gastronomici...

 

Nel portale puoi trovare tutte le informazioni, gli eventi, le news, le curiosità, le immagini sull'area di Osteria Nuova e la fiera che si tiene ogni prima domenica di ogni mese. Inoltre, iscrivendoti alla newsletter puoi rimanere sempre aggiornato...

L'orvinite: meteoriti su Orvinio PDF Stampa E-mail

orvinite Il 31 agosto del 1872, alle ore 5,15, cadde su Orvinio una pioggia meteoritica. Questa meteorite fu chiamata Orvinite. Solo 6 frammenti di questo sciame (che fu visto passare sopra tutto il Lazio provenendo da Sud) furono recuperati.

Essi sono oggi conservati in varie collezioni, ma i campioni più significativi si trovano a Roma nel Museo di Mineralogia dell'Università La Sapienza e a Castelgandolfo presso la Specola Vaticana. L'orvinite contiene la camacite e la tenite, due tipiche leghe di ferro-nichelio, solfuri di ferro (troilite e pirrotina) e silicati (olivina, ortopirosseno).

Il fenomeno ebbe tale rilevanza, da attirare l’attenzione di alcuni importanti scienziati come Padre Angelo Secchi, direttore dell’Osservatorio del Collegio Romano che fornì una prima concisa spiegazione del fatto. Si trattava di un “uranolito” ovvero un meteorite, che entrato nell’atmosfera all’altezza di Capo Circeo, fu frammentato da due esplosioni prima sui Monti Lepini e poi su Zagarolo, da dove la maggiore delle parti cadde su Orvinio. Da quest’ultima vi fu poi una terza violenta esplosione che fu avvertita nei paesi di Vallinfreda, Vivaro, Petescia (Turania), Orvinio e nei paesi vicini della Marsica (www.cineto.it).

Fonte: www.cineto.it

Amaranto Fabriani, racconta la caduta dei meteoriti nel suo "Libro di Orvinio":

"Ricordo che il Prof. Luigi Alessi di Orvinio, morto alcuni anni or sono e sepolto al Cimitero delle Petriane, ebbe a raccontarmi il seguente episodio: un giovane pastore di Orvinio, tale Gioacchino figlio di Pietro Biscossi un giorno trovandosi in un prato, in località Pratogrande (volgarmente Praturanne) intento a far pascolare il proprio bestiame. Benché fosse una bella giornata col sole splendente ed il cielo terso privo di qualsiasi nube, tutto ad un tratto la sua attenzione fu richiamata da uno strano rumore simile a quello prodotto dall’imminenza di un grande temporale.
Incuriosito per tale fatto insolito, tanto più che intorno a lui regnava il silenzio più profondo, pose maggiore attenzione con la speranza di poter scoprire e rendersi conto dell’insolito fenomeno.
Infatti immediatamente dietro a lui sentì il rumore specifico prodotto dalla caduta come di un sasso lanciato con veemenza.
Il Biscossi si voltò istintivamente, ma contemporaneamente quà e là intorno a lui, si verificarono altre cadute come la prima.
Riavutosi dallo spavento provato in seguito all’inspiegabile episodio cui involontariamente era stato spettatore, incuriosito volle fare una accurata ricognizione nei punti dove, come diceva lui, erano caduti dei...sassi.
Con molta fatica riuscì a tirare fuori dal terreno i vari...sassi che, data la veemenza nella caduta, si erano conficcati abbastanza profondi nel prato; li raccolse e la sera tornando ad Orvinio li portò a casa.
Fu informato dell’accaduto il sig.Vincenzo Segni, allora Sindaco di Orvinio, il quale fattosi consegnare tutto il materiale raccolto lo portò a Roma ove fu accertato trattarsi di meteoriti.
Al suo ritorno in Orvinio, assicurò di averli fatti collocare in un Museo della Città Eterna, per essere colà conservati ed ai quali fu imposto il nome di “Orvinite”.
Il fatto è avvenuto verso l’anno 1875.
Quanto suddescritto mi è stato confermato anche dallo stesso Gioacchino Biscossi sprannominato “Lu Vecchiu” morto parecchi anni or sono.
Con un po’ di pazienza i suddetti bolidi potrebbero anche essere rintracciati da una persona di buona volontà.

N.B. In seguito a mie ricerche, ho potuto appurare quanto segue:
La caduta dei suddetti meteoriti avvenne alle ore 5,15 antimeridiane del giorno 31 agosto 1872.
Dal Museo di Mineralogia presso la Regia Università di Roma, esiste un solo frammento (da me esaminato) così classificato: Condrite bronzitica nera – Orvinite – frammento in buona parte incrostato del peso di grammi 710 . Altri tre frammenti di Orvinite si conservano presso i seguenti Istituti:-Museo Mineralogico presso la Regia Università di Torino-frammento del peso di grammi 80.
-Museo Mineralogico presso la Regia Università di Bologna-frammento del peso di grammi 32.
-Museo Civico di Storia Naturale presso la Regia Università di Milano, del peso di grammi 15.
Come vedesi i pezzi raccolti e conservati sono quattro complessivamente; non si sa con esattezza se i bolidi caduti siano stati soltanto quelli sopra elencati, oppure se qualche altro è andato disperso.
Al riguardo se ne sono interessate le seguenti pubblicazioni:
-F. Millosevich – Le Meteoriti del Museo di Mineralogia presso la Regia Università di Roma -Tipografia Bardi – Roma 1928.
-L. Lipoez – Analysem Meteorites von Orvinio – Tscherm – Mineral, III – Wien 1874"

 

Sitografia: librodiorvinio.blogspot.it, www.cineto.it

 

Calendario eventi

<<  Nov 2017  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

PARTECIPA ALLA FIERA

Per partecipare alla Fiera di Osteria Nuova bisogna rivolgersi al Comune di Frasso Sabino. Clicca qui

Fiera di Osteria Nuova

Olio Sabina DOP

Infiorata di Poggio Moiano

Paesi Sabini

Studio Luv

Impresa pulizie Roma

Il Portale del Risveglio

Viteria Bulloneria Online




Powered by Advsystem.net